In questi ultimi tempi si parla con insistenza di efficientamento energetico e del come risparmiare ottimizzando il consumo di energia.

Con la pubblicazione del “Decreto Rilancio”, infatti, si sono accesi i riflettori su una tematica esistente e perseguita in edilizia già da diversi anni (le moderne costruzioni sono infatti quasi tutte NZEB) ma che, per una serie di motivi, si è presentata oggi più interessante e urgente che mai.

In Corte Cinghio a Parma, tutti gli appartamenti in costruzione prevedono l’utilizzo di tecnologie e sistemi orientati all’efficientamento energetico delle abitazioni. Entrare in una casa nuova sapendo di essere al passo con l’innovazione in materia di efficientamento e risparmio energetico consente di vivere con maggiore serenità e di essere sicuri che il proprio investimento inizi ad essere fruttuoso già dal primo passo fatto in casa.

È opportuno però chiarire gli aspetti che caratterizzano il concetto di efficientamento energetico e perché è così importante perseguirlo all’interno degli edifici, domestici e non.

Cos’è l’efficientamento energetico

Si definisce efficientamento energetico l’insieme di operazioni e tecnologie dedicate agli edifici che permettono di contenere i consumi di energia. Il controllo dei consumi avviene ottimizzando il rapporto esistente tra fabbisogno energetico e livello di emissioni, sfruttando in modo ottimale le fonti energetiche a propria disposizione.

Su una costruzione è possibile effettuare diversi interventi di efficientamento energetico in base agli obiettivi che si vogliono raggiungere, come ad esempio:

  • migliorare l’isolamento termico
  • incoraggiare pratiche virtuose
  • utilizzare energia prodotta attraverso fonti rinnovabili
  • installare impianti tecnologici ad alta efficienza energetica

Questi obiettivi possono essere perseguiti attraverso una serie di interventi quali la coibentazione delle pareti, delle coperture o degli infissi, l’installazione di pannelli fotovoltaici che permettono di produrre energia attraverso fonti rinnovabili, l’utilizzo di fonti di illuminazione a basso consumo come i LED, l’installazione di impianti di climatizzazione invernale ed estiva a pompa di calore.

Vantaggi e benefici dell’efficientamento energetico

L’efficientamento energetico è strettamente collegato a un altro importante ambito, quello del risparmio energetico. I due concetti sono tra loro correlati in quanto senza l’ottimizzazione del consumo di energia non vi può essere riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti.

Intervenire su un edificio per migliorarne l’efficienza energetica, porta grandi vantaggi e benefici di varia natura al singolo e alla collettività, già nel breve periodo.

Stesse prestazioni, minor consumo

L’aumento dell’efficienza energetica di una costruzione permette di sfruttare le fonti energetiche in modo ottimale, senza una riduzione delle prestazioni ma con un minore consumo di energia.

Risparmio nel breve e nel lungo periodo

L’investimento destinato all’efficientamento energetico degli edifici, inizia a dare i suoi frutti già nel breve periodo, comportando un evidente risparmio e benessere anche nel lungo periodo. L’abbattimento dei costi in bolletta, le migliori performance della struttura dell’edificio nei confronti delle avversità climatiche e la riduzione immediata dell’impatto in termini di inquinamento ambientale ed atmosferico, rendono infatti l’investimento fruttuoso fin da subito.

Aumento del valore dell’immobile

È evidente che vivere in una casa nella cui edificazione sono state applicate le migliori tecnologie orientate all’efficientamento energetico, aumenta il valore intrinseco della costruzione.
Questo rappresenta un vantaggio competitivo non indifferente nel momento in cui si dovesse decidere di vendere l’abitazione o di proporla in locazione.

Coniugare tutela ambientale e risparmio economico

L’efficientamento energetico si propone come una delle risposte più convincenti alle direttive europee in materia di sostenibilità e tutela ambientale.
L’incremento dell’efficienza energetica, di abitazioni private ma anche di edifici  pubblici, e dei sistemi impiantistici rappresenta un’occasione da non perdere per il raggiungimento degli obiettivi descritti nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.
Attraverso gli interventi sull’edilizia, infatti, è possibile ridurre i consumi energetici e rendere le città e le comunità luoghi sicuri, inclusivi e rispettosi dell’ambiente ma anche promuovere azioni per combattere il cambiamento climatico, utilizzando in modo sostenibile le risorse terrestri.
A questo si aggiunge un notevole risparmio economico, visibile fin da subito in bolletta.